# Equità: fra il minimo e il massimo

Come sempre la Treccani aiuta a fissare il punto di partenza:
«equità = applicazione non rigida della legge, temperata da umana considerazione dei casi particolari; discrezionalità, flessibilità, moderazione, ponderatezza».

Finalmente una parola del tempo presente e troppo poco applicata.
Nella frettolosa, e spesso superficiale, società attuale si preferiscono soluzioni polarizzate, eventualmente estreme.
La vita invece si svolge in un ambiente incerto, ansiogeno, in continua evoluzione; dove le parti interagiscono secondo regole raramente comprensibili provocando conseguenze spesso imprevedibili.
Molte culture prediligono soluzioni «per default» (bias, in assenza di altre ipotesi di soluzione). È un metodo che aiuta a valutare e decidere rapidamente. Però esercitando la volontà e l’intelligenza si possono scoprire soluzioni meglio ritagliate sulle specifiche circostanze.
È una parola che paretianamente suggerisce un campo di possibili soluzioni fra un minimo e un massimo, entro una banda di variazioni possibili.

Quasi mai gli esseri umani sono in grado di definire con precisione il minimo e il massimo di variazione, ma istintivamente riconoscono che la soluzione sta entro una banda di ampiezza ragionevole. Sarebbe forse più pertinente affermare che gli esseri umani negoziano sia sull’ampiezza di banda sia sulla specifica soluzione; alla fine, quando concordano, dichiarano che il punto di convergenza è «equo».

A ben guardare, si tratta di una negoziazione largamente praticata da tutte le cose, animate e non. Talvolta in un rapporto di causalità non evidente.  

Equità non è uguaglianza, ma riconoscimento delle differenze e conciliazione.
Un principio decisamente democratico.
Come sempre in democrazia, si tratta di instabile e incerto equilibrio, ma pur sempre di un equilibrio più equo dell’uguaglianza.

L’incertezza e l’instabilità fanno dell’equità un principio dinamico: quello di oggi, domani potrebbe essere diverso, probabilmente migliore (più adatto ai tempi e alle situazioni).

  • Commenti? Suggerimenti? Contributi? Scrivete a Scior.Carera@civicum-lab.org
  • Potete riprodurre, in parte o tutto, questo post riportandone il link e il logo C-LAB
  • Questo sito è in ricostruzione e aggiornamento. Perciò è continuamente modificato.Ogni vostro suggerimento migliorativo è più che gradito