Completato il REI della Pinacoteca di Brera

La Pinacoteca di Brera ha completato la progettazione ed applicazione su dati reali (esercizio 2013) con l’assistenza dell’Associazione Civicum.

Anticipando lo spirito e gli intenti della riforma Franceschini, il progetto REI (Rendiconto Economico Integrato) é stato intuito e fortemente voluto dalla Dr.sa Sandrina Bandera, Soprintendente BSAE per la Lombardia occidentale oltre che Direttrice della Pinacoteca di Brera. La Dr.sa Bandera desiderava poter disporre di un rendiconto unico e di immediata leggibilitá che comprendesse tutte le voci di entrata e uscita della Pinacoteca (e delle altre unitá della Soprintendenza) al fine:

  • di poter gestire efficacemente le risorse economiche
  • di garantire trasparenza amministrativa a chiunque desiderasse comprendere come la Pinacoteca utilizzava i soldi dei contribuenti
  • di programmare le iniziative secondo prioritá e di allocare coerentemente le risorse necessarie
  • di disporre e presentare un’informativa economica chiara per la ricerca di contributi privati mirati a iniziative di interesse per i Cittadini e per la Cittá.

È nella missione di Civicum impostare, insieme all’Amministrazione Pubblica, standard di rendicontazione come quello emerso da questo progetto pilota condotto secondo il rigoroso metodo di lavoro, Civicum che:

  • Progetta gli standard operativi in cooperazione con le migliori istituzioni pubbliche. In questo caso è stata una delle più prestigiose e amate istituzioni di Milano
  • Li realizza con l’assistenza tecnica delle più preparate istituzioni private; in questo caso è stata The Boston Consulting Group.

Civicum è orgogliosa di avere completato il suo primo progetto di collaborazione con un Ufficio Periferico (la Pinacoteca) dell’Amministrazione dello Stato nell’ambito dell’arte e della cultura, vanto dell’Italia nel Mondo.
Civicum esprime voglia di migliorare, competenza tecnica e la convinzione che come Cittadini possiamo e dobbiamo contribuire alla gestione dei beni che abbiamo affidato all’Amministrazione Pubblica: c’è il meglio dell’Italia in questo progetto, piccolo, ma non perciò modesto.

Questa iniziativa è nata, come spesso accade, con un incontro casuale fra il Presidente di Civicum (Federico Sassoli de Bianchi) e la Soprintendente di Brera. La Dr.sa Sandrina Bandera ha chiesto l’aiuto di Civicum per fare il bilancio della Soprintendenza e della Pinacoteca che non esisteva perchè «nascosto», cioè immerso in modo indistinguibile, nelle pieghe dei bilanci dello Stato e di altri ministeri.

Da quella conversazione e da tutta l’attività che ne è conseguita, ci siamo convinti sempre più che per superare la crisi che stiamo attraversando siano necessari un cambiamento di atteggiamento di noi cittadini e una diversa prospettiva per la gestione dei beni comuni. Se noi dobbiamo scoprire il gusto e il modo di partecipare alla gestione delle cose pubbliche, lo ~Stato, da parte sua, deve aprirsi al nostro contributo di cittadini. Questa pacifica rivoluzione nel modo di essere di noi italiani, può, e forse deve, essere avviata partendo dal basso: impegnandoci a conoscere e migliorare una singola istituzione alla volta, per poi diffondere le esperienze positive alle istituzioni simili.
Questo progetto è stato reso possibile dall’entusiasmo delle persone di Brera, dall’appoggio decisivo della Ragioneria Generale dello Stato (Dr. Daniele Franco), che ha voluto partecipare al progetto ed ha contribuito in modo decisivo al reperimento ed all’organizzazione dei numeri, dall’autorizzazione dei vertici del MIBACT, dall’opera de The Boston Consulting Group (BCG) che ha voluto inserire il progetto nelle sue attività pro bono a favore della cultura ed al lavoro entusiasta di Stefano Cianchi, socio Civicum incaricato del coordinamento del progetto.

  • Commenti? Suggerimenti? Contributi? Scrivete a Scior.Carera@civicum-lab.org
  • Potete riprodurre, in parte o tutto, questo post riportandone il link e il logo C-LAB
  • Questo sito è in ricostruzione e aggiornamento. Perciò è continuamente modificato.Ogni vostro suggerimento migliorativo è più che gradito